Le poesie

 

I nòss uliv di Roberto Gennazzini, poeta dialettale gandriese, ex municipale di Gandria, 2004 (dal libro “Ritruvà i nòss radis” di Erico Besomi, pag. 15)

Nüm gandriés

regordum l’uliv

in tütt ul paés

al serviva par viv.

 

L’òli l so giüs

al creava calur

e l pizzava la lüs

dal pòvru e dal sciur.

 

Ul ramétt benedii

In ségn da pas

da sémpru cüstodii

dénta in un vas.

 

Incöö a sa dis

nal libru sa scriv

grazie ai radis

nöss … e da l’uliv.

Dopo una passeggiata di Valerio Abbondio, “Betulle”, 1922 (dal libro “Ritruvà i nòss radis” di Erico Besomi, pag. 101)

“Quanta gioia mi entrò oggi nell’anima

andando sul sentiero lungo il lago,

al sole, come in una gran carezza!

 

Una leggera brezza

faceva irrequiete e ondose le acque

e scintillare vivi

i pensierosi ulivi,

simili a nuvolette argentee, sparse

tra ‘l lago azzurro e il cielo quasi verde

sur uno sfondo di declivi d’oro”.

L’ulivo benedetto di Giovanni Pascoli (fonte internet)

Oh, i bei rami d’ulivo!

chi ne vuole?

 

Son benedetti,

li ha baciati il sole.

In queste foglioline tenerelle

vi sono scritte tante cose belle.

 

Sull’uscio, alla finestra,

accanto al letto

metteteci l’ulivo benedetto!

 

Come la luce e le stelle serene:

un po’ di pace ci fa tanto bene.