Le poesie

Roberto Gennazzini, poeta dialettale gandriese, ex municipale di Gandria

  • I nòss uliv (2004, dal libro “Ritruvà i nòss radis” di Erico Besomi, pag. 15)

Nüm gandriés

regordum l’uliv

in tütt ul paés

al serviva par viv.

 

L’òli l so giüs

al creava calur

e l pizzava la lüs

dal pòvru e dal sciur.

 

Ul ramétt benedii

In ségn da pas

da sémpru cüstodii

dénta in un vas.

 

Incöö a sa dis

nal libru sa scriv

grazie ai radis

nöss … e da l’uliv.

Valerio Abbondio

  • Dopo una passeggiata (1922, “Betulle” dal libro “Ritruvà i nòss radis” di Erico Besomi, pag. 101)

“Quanta gioia mi entrò oggi nell’anima

andando sul sentiero lungo il lago,

al sole, come in una gran carezza!

 

Una leggera brezza

faceva irrequiete e ondose le acque

e scintillare vivi

i pensierosi ulivi,

simili a nuvolette argentee, sparse

tra ‘l lago azzurro e il cielo quasi verde

sur uno sfondo di declivi d’oro”.

Giovanni Pascoli

  • L’ulivo benedetto (fonte: internet)

Oh, i bei rami d’ulivo!

chi ne vuole?

 

Son benedetti,

li ha baciati il sole.

In queste foglioline tenerelle

vi sono scritte tante cose belle.

 

Sull’uscio, alla finestra,

accanto al letto

metteteci l’ulivo benedetto!

 

Come la luce e le stelle serene:

un po’ di pace ci fa tanto bene.

Giandomenico Borelli (socio onorario Associazione Amici dell’Olivo)

Poesie estratte dal libro “L’albero della passione”, maggio 2011, Cattaneo Paolo Grafiche s.r.l.

  • Albero maestro

Quell’albero immortale a cui nessuno è uguale,

è come la tua vita: lezione mai finita!

Più scelte hai sulla via e tua la scelta sia;

di rami tu ne hai tanti, ma bada ai più importanti!

 

Tra i rami vigorosi, quei pochi e assai preziosi

van sempre conservati e fino alla morte ornati;

son come le sue branche, che non vedrai mai stanche.

Tra gli altri esili rami, dai spazio a ciò che ami.

 

Impara anche a giocare, non solo a lavorare:

non essere egoista, ma taglia e sii ottimista!

Se riuscirai a potare, a ben selezionare,

vedrai tu un bel giorno i suoi frutti d’intorno.

 

Poi li raccoglierai, di loro assai godrai,

non solo un istante, ma un anno importante.

Che tu abbia riguardo e non fare in ritardo

ciò che puoi fare ora: cogli e lavora!

 

Non puoi rovinare quel succo da amare,

che sera e mattina è per te medicina.

Così la menzione sarà la lezione

che già imparerai … se con lui tu vivrai.

  • Autunno d’olive

Quando mi potasti! non era ancor primavera.

Le parche fronde mi sfoltisti …

ricordo ancora il freddo di sera.

 

Poi, senza posa e a piene mani, prìa del fiore,

tu mi concimasti …

e in un sorriso vidi tutto l’amore!

 

D’estate poi fu tempo caldo ed arido,

ma tu ti ricordasti ancora …

e l’acqua mi portasti impavido.

 

Quando l’agosto toglieva il respiro,

via i rami di mezzo …

ed ancor l’acqua in giro.

 

Oggi, che l’autunno il mondo colora,

il tuo albero preferito

la tua fedeltà onora.

 

Cogli dunque a piene mani le mie olive,

quanto più presto farai:

portale al frantoio ancor vive!

 

Così, dal frutto, il succo sarà sulla tua mensa

quell’olio salutare,

che per un anno intero la vita ti dispensa.

  • Il vaso armonico è policonico

Prima di tutto, scegli le branche!

Tre, quattro al massimo: son le sue anche.

 

Poi su di esse delinea una cima,

ramo apicale principale: guarda che rima!

 

Evita quindi le dicotomìe!

non salga la linfa seguendo più vie,

 

ma sia una sola la principale

e sottomesso sia il ram laterale,

 

con un diametro alquanto minore

rispetto alla branca, ramo maggiore.

 

Così facendo la basitonìa

ti apparirà lungo la via

 

e vedrai crescer più lunghi e più grandi

i rami basali senza comandi.

 

Se poi sfoltirai le cime in eterno,

togliendo i succhioni verso l’interno,

 

il risultato sarà alquanto armonico,

eccolo là: è il tuo vaso policonico!

  • In primavera lo devi fare

Amore, se mi vuoi spogliare,

in primavera lo devi fare,

perché d’autunno, già col mio frutto,

di quanto possiedo io ti do tutto.

Ed anche in quella calura estiva

non mi spogliare se mi vuoi viva,

perché l’inverno ormai s’avvicina

ed ho pochi mesi per far la vestina.

So che mi spogli per il mio bene,

così respiro e mi levo le pene,

però ricorda, se mi vuoi bella:

amo la luce ma non solo quella!

Per il mio frutto non esagerare:

non sempre tanto mi devi potare;

lasciami anche vestita di foglie,

così potrò calmarti le voglie.

Sai, le mie drupe son golose

ed han bisogno di dolci cose,

per diventar sempre più belle,

turgide e sane come alborelle.

Tu sai quei dolci da dove vengono:

da quelle foglie che dai rami pendono.

Perciò ti prego, frena la mano,

così il mio sforzo non sarà vano.

I giorni poi saranno maturi

per ripagare i tempi duri,

così il mio succo ti regalerò,

e nel tuo corpo io resterò.